Istruzione

Apprendimento a distanza con Wooclap: il caso dell'ESCP

19.11.2020 • 5 minuti

Roberto Quaglia, ESCP

Insegnamento a distanza: una sfida di successo all'ESCP

Mentre la maggior parte degli istituti di istruzione superiore è ormai completamente immersa nell'organizzazione di corsi a distanza, Roberto Quaglia, professore di Strategia e Management alla ESCP Business School, si era già cimentato nell'esercizio durante la prima ondata di COVID-19 nel giugno 2020. Come consulente attivo in molte aziende, ha insegnato il corso "Problem Solving e Comunicazione" a un centinaio di studenti in una classe virtuale per 10 giorni. Hector Drawin, tirocinante presso Google e appassionato di tecnologia, è stato uno degli studenti ad assistere alle lezioni, che sono state tenute con Wooclap e lo strumento di videoconferenza Blackboard.

In questo particolare contesto, uno degli elementi cruciali di un buon corso di formazione a distanza è il suo livello di interattività. Questo è ciò che il Prof. Roberto Quaglia aveva in mente quando ha iniziato ad usare Wooclap.

Variando il tipo di contenuto didattico, gli insegnanti si liberano dall'effetto monotono di una lezione creando un nuovo ritmo: giochi di ruolo, casistiche, film, spettacoli televisivi...

Professore Roberto Quaglia

Ogni 20 minuti, faceva domande ai suoi studenti e li esortava a partecipare, per stimolare e mantenere il loro apprendimento. Offrire agli studenti una serie completa di teoria, illustrazioni di casi e applicazioni potrebbe essere la chiave per fornire un corso che gli studenti apprezzano in un contesto di apprendimento a distanza.

In un'intervista trasversale, l'insegnante e lo studente hanno discusso la loro esperienza sull'importanza dell'interazione nel contesto dei corsi a distanza.

Incoraggiare l'attenzione della vostra classe con Wooclap

Le sfide per stimolare l'attenzione di una classe completamente virtuale sono numerose, e variano a seconda delle dimensioni della classe.

Roberto Quaglia (R.Q.), Professore di Strategia & Management alla ESCP Business School : Bisogna distinguere due gruppi: quelli piccoli (<40 studenti) e quelli grandi (100-300 studenti).

  • Per i piccoli gruppi, la didattica di un'esperienza virtuale è molto simile a quella che farei in un'aula fisica: Parlerò di un quadro teorico, lo illustrerò con un applicazione pratica, poi dividerò la classe in sottogruppi e farò lavorare insieme le persone per risolvere un caso specifico. Infine, richiamerò tutti i gruppi per condividere e confrontare il loro lavoro.
  • Tuttavia, per i grandi gruppi, le cose si complicano. Non puoi replicare il metodo precedente su questa scala, perché stai usando una piattaforma di videoconferenza con una lista di 150 nomi e le loro webcam sono spente. Si possono fare domande, ma raramente si ottengono risposte nella chat. In conclusione: non si ha idea di cosa stia succedendo dietro lo schermo. L'intera esperienza sembra impersonale. Quindi, è qui che noi insegnanti dobbiamo diventare creativi e riprogettare i loro metodi di insegnamento, e dove la tecnologia entra in gioco per aiutarci a farlo avvenire su larga scala.

Hector Drawin (H.D.), studente (MiM) alla ESCP Business School : Direi che l'impegno e la noia sono le principali sfide che l'insegnante deve affrontare. Assistere a una lezione di fisica di 3 ore con un insegnante che legge le sue diapositive può già essere abbastanza noioso, ma farlo virtualmente lo porta ad un altro livello. Questo non è esclusivo delle classi virtuali, ma la differenza con una classe ordinaria è che l'insegnante non è nella stanza, quindi non può esercitare la sua autorità per richiedere l'attenzione di tutti. Il docente compete per la mia attenzione con una serie di distrazioni, come guardare video su Youtube, chiamare un amico o anche cucinare un pasto. Ma quando gli insegnanti usano la tecnologia per stimolare la nostra attenzione, come ha fatto il Prof. Quaglia, la storia cambia.

Rinnovare le pratiche di insegnamento

R.Q. : Avevo già provato altri strumenti EdTech prima, ma ho iniziato con Wooclap molto rapidamente grazie a quanto è intuitivo. Non ho cercato di utilizzare tutti i tipi di domande il primo giorno, ma ho ampliato a seconda di ciò che volevo fare in ogni classe. Fondamentalmente, la formula che cerco di applicare è :

Teoria + Applicazione + Feedback = lezione di successo

Professore Roberto Quaglia

Il motivo per cui non si può interagire con grandi gruppi di studenti (100+) nello stesso modo in cui si farebbe con gruppi più piccoli (circa 30) è perché il tempo di transizione da un passo (ad esempio, "Teoria") ad un altro (ad esempio, "Applicazione") aumenta con il numero di studenti, rendendolo troppo lento per essere utilizzabile con classi grandi. E tutte le volte che c'è una certa latenza nella classe, si crea un'opportunità per gli studenti di disimpegnarsi.

Ciò che mi ha colpito è quanto poco Wooclap interrompa il flusso del mio insegnamento. Puoi letteralmente coinvolgere i tuoi studenti in una manciata di secondi. Apprezzo particolarmente l'integrazione di Wooclap con Powerpoint, che mi permette di inserire le mie domande direttamente nelle mie diapositive Powerpoint, e la funzione del codice QR. Quando combino questi strumenti, riesco a far rispondere quasi il 100% della classe dei miei 100 e più studenti in 3-4 minuti.

Un'altra cosa che ho notato è che Wooclap permette agli introversi di partecipare. A questi studenti non piace essere sotto i riflettori, quindi non usano il microfono o parlano nella chat. Si sentono a loro agio a partecipare su Wooclap perché non hanno paura di essere individuati. Quindi, invece di ottenere sempre gli stessi partecipanti estroversi, ottengo risposte da una più ampia eterogeneità di studenti, che a sua volta scatena dibattiti più interessanti!

H.D. : L'effetto principale di Wooclap è stato quello di rompere la monotonia delle lezioni regolari. Ha creato un ritmo dinamico ed efficace nella lezione. Ogni volta che iniziavo ad essere distratto, un quiz di Wooclap richiamava la mia attenzione. L'intera esperienza era senza interruzioni: il professore mostrava un codice QR, io lo scansionavo con la fotocamera del mio telefono, finivo su una pagina web, e senza dover scaricare un'app o creare un account, selezionavo semplicemente la risposta e premevo "invia"! Era così coinvolgente che mi sono trovato a dover stare attento solo per non perdere la domanda successiva.

Essere in grado di applicare le teorie appena apprese attraverso contenuti interattivi è stato super efficace per rafforzare le nuove conoscenza a livello mnemonico.

Hector Drawin, studente

Autore
Julie Lemaire, Content Marketing Lead @Wooclap
Julie Lemaire

Content Marketing Lead @Wooclap. Sono appassionata di educazione, ho fame di parole e ho sete di conoscenza. Il mio obiettivo attuale è imparare a parlare italiano.

Condividere

Ottenere il meglio di Wooclap

Un riassunto mensile degli aggiornamenti dei nostri prodotti e dei nostri ultimi contenuti pubblicati, direttamente nella vostra casella di posta elettronica.

Utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza generale di utilizzo della piattaforma, forniamo agli utenti assistenza via chat ed annunci mirati su altri siti web.